venerdì 4 maggio 2018

Anche a noi dicono che non siamo normali!

Nel momento in cui io e abbiamo iniziato a sondare alcuni amici circa la nostra volontà di sposarci e di farlo continuando ad ispirarci a World of Warcraft, lo sfondo della mia proposta di matrimonio, sono state pronunciate quattro fatali parole: "voi non siete normali". Diversamente da altre coppie, però, io e il mio lui ci ritroviamo a vivere nella rara condizione di sentire questa frase pronunciata in tono d'ilarità, poiché la maggioranza dei nostri amici (e parte dei futuri invitati) ha un'esperienza diretta con il videogioco in questione o con le altre variazioni dell'esperienza 'role-playing game' da poter apprezzare la nostra scelta.

Questo, però, non significa che saremo al sicuro dalle critiche di quanti s'aspettano da noi il 'tradizionale solenne qualcosa'!

Di più ancora, sento che dovremo resistere con tutte le nostre forze alla tentazione di rinunciare a questo 'tema' per favorire qualcosa di più vicino a quella visione di 'matrimonio fantasy' che ha raggiunto le masse grazie alle versioni cinematografiche/televisive delle serie di romanzi "The Lords of the Rings" e "Game of Thrones". Se cedessimo, sì avremmo fornitori meno timorosi di accettare le nostre commissioni ed invitati più inclini a partecipare all'esperienza, ma NON avremmo uno sposalizio che ci rappresenta veramente e vi ripenseremmo con il rimpianto delle occasioni mancante.

Sì, io e il mio lui abbiamo composto una scelta terribile... abbiamo deciso di sposarci mettendo al primo posto non le aspettative dei nostri ospiti o le consuetudini della società, ma la nostra volontà di vivere questo giorno speciale a modo nostro!

Che lo scontro di volontà abbia inizio!

Per l'alleanza!


Nessun commento:

Posta un commento